Paolo Fabbri semiotica online
Home page
Curriculum
Corsi
Attività
Saggi
Articoli
Testi e Collezioni
Interviste e Stampa
Traduzioni e Commenti
Contatti
Mappa del Sito
Valid HTML 4.01 Transitional Valid CSS Level 2
Valerio Adami disegno e pittura

Palazzo Ducale
Sale del Castellare
Urbino

30 Marzo - 11 Maggio 2007

Urbino apre il Palazzo Ducale alle opere di Valerio Adami e crea una "giornata-evento" per celebrare questo artista di fama internazionale. Venerdì 30 marzo nelle Sale del Castellare sarà inaugurata la mostra dal titolo: Valerio Adami disegno e pittura, ideata e curata da Luigi Cavadini, organizzata dall'Assessorato Cultura e Turismo del Comune di Urbino con la collaborazione della Galleria "Franca Mancini" di Pesaro.
Il taglio del nastro sarà preceduto da una tavola rotonda sull'opera di Adami programmata alle ore 17.00 nella Sala Convegni "Serra d'Inverno" del Palazzo Ducale. È previsto il saluto del sindaco Franco Corbucci e dell'assessore regionale alla Cultura Luigi Minardi. Seguirà un seminario introduttivo su Valerio Adami disegno e pittura , con interventi di Paolo Fabbri, Luigi Cavadini, Lella Mazzoli e Umberto Palestini.
L'inaugurazione della mostra è fissata per le ore 18.00, alla presenza dell'artista. In serata, al Teatro Sanzio alle ore 21.00 si terrà quindi un concerto di Federico Mondelci e The Habanera String Quintet. L'esposizione urbinate sarà accompagnata dalla pubblicazione di un "quaderno" dedicato a Valerio Adami, con scritti di Italo Calvino, Octavio Paz, Luigi Cavadini, Lella Mazzoli e dello stesso Adami.

La mostra di Urbino (aperta fino al prossimo 11 maggio '07) comprende quindici dipinti e alcuni disegni. L'idea alla base della mostra è stata quella di creare un percorso coerente su 4 grandi temi: la stanza della malinconia; la stanza del destino; la stanza della letteratura; la stanza del viaggio. "La malinconia - spiega il curatore dell'esposizione, Luigi Cavadini - è il substrato di tutta la poetica di questo artista, una condizione implicita in ogni sua linea. Il destino è il luogo della vita. La letteratura è (come la pittura e la musica) ciò che dà le ali alla libertà dell'uomo. Infine il viaggio. Bisogno immanente dell'uomo. Dentro se stesso (si vedano gli autoritratti dell'artista che qui sono ripetuti) prima che per i mondi lontani. Il viaggio dell'esistenza in cui malinconia, destino e letteratura sembrano diventare una cosa sola".

Apertura mostra: da Lunedì a venerdì ore 16-20. Sabato e festivi ore 10-13 / 16-20
Info: 0722-309.222 / 0722-309.602
www.urbinoculturaturismo.it
Home | Curriculum | Corsi | Attività | Saggi | Articoli | Testi | Interviste | Traduzioni | Contatti | Mappa Sito Torna indietro Versione stampabile Torna alla pagina principale Torna in alto
©2005- Paolo Fabbri. Tutti i diritti riservati. Web: www.paolofabbri.it · E-mail: info@paolofabbri.it Realizzazione sito: Manuel Semprini