Paolo Fabbri semiotica online
Home page
Curriculum
Corsi
Attività
Saggi
Articoli
Testi e Collezioni
Interviste e Stampa
Traduzioni e Commenti
Contatti
Mappa del Sito
Valid HTML 4.01 Transitional Valid CSS Level 2
Presentazione del libro
Vita di un castrato. Atto Melani tra politica, mecenatismo e musica

Accademia dei Ritrovati

Antico Palazzo dei Vescovi
Piazza del Duomo
Pistoia

Sabato 17 settembre 2016, ore 17.30

Presentazione del libro
Vita di un castrato. Atto Melani tra politica, mecenatismo e musica
di Roger Freitas
(Ets, Pisa 2015)

Programma

Saluti Amministrazione Comunale

Relatori:
Sara Mamone
Giovanni Cipriani
Paolo Maria Fabbri

Intervengono:
Alba Andreini,
Alessandro Pagnini
Gianpiero Ballotti

Il libro è la traduzione italiana del lavoro che il docente di musicologia dell'Università di Rochester Roger Freitas ha dedicato all'intensa e lunga vita del celebre personaggio nato a Pistoia nel 1626 avvalendosi del suo cospicuo carteggio che in larga parte è oggi conservato nel Fondo Melani della biblioteca Marucelliana di Firenze.
Figlio del campanaro di Pistoia, e castrato come altri tre suoi fratelli ai fini del miglioramento della vocalità, Atto rappresenta in modo esemplare il rilevante fenomeno seicentesco dei cantanti castrati, al quale la città di Pistoia contribuì in misura significativa. Le sue doti, non solo vocali, lo portarono ad essere conteso tra le corti europee e italiane. Atto incarna l'intreccio di allora tra musica, mecenatismo e potere, in una carriera che mescola ai successi dell'arte i legami con i potenti del tempo (basti citare quelli con la corte francese e il Re Sole) e i suoi congrui attraverso intrighi politici e amorosi, attività diplomatiche e perfino di 'spionaggio'.
Home | Curriculum | Corsi | Attività | Saggi | Articoli | Testi | Interviste | Traduzioni | Contatti | Mappa Sito Torna indietro Versione stampabile Torna alla pagina principale Torna in alto
©2005- Paolo Fabbri. Tutti i diritti riservati. Web: www.paolofabbri.it · E-mail: info@paolofabbri.it Realizzazione sito: Manuel Semprini