I monumenti sono ritornelli (2018)

Da: aut aut, Il Saggiatore, n. 378, giugno 2018, pp. 125-136. Il mondo dell’arte è appunto il mondo estremo dei segni.G. Deleuze, Marcel Proust e i segni Nel 1994 ho fatto parte del Monumento a Félix Guattari. Dapprima senza saperlo, persuaso di rispondere all’invito dell’amico Jean-Jacques Lebel (JJ) a un intervento “metalinguistico” sul pensiero e […]

Continua a leggere

Fare un Sessantotto: diffidenze e guerriglia (2018)

Da: Il ’68. Testi e commenti, Almanacco di Alfabeta2, Derive/Approdi, Roma, 2018. (…) il reale ci è dato sempre e soltanto attraverso il filtro di formulazioni mutevoli e il nostro modo di cogliere la realtà si fonde in unico amalgama con essa.P. Sloterdijk 1. Il senno del post- “Notte delle Idee”, Firenze, il 25 febbraio […]

Continua a leggere

Umberto Eco: “maître à penser, ami à presenter” (2018)

Da: Doppiozero, 19 febbraio 2018.www.doppiozero.com/materiali/umberto-eco-maitre-penser-ami-presenter In occasione del secondo anniversario della scomparsa di Umberto Eco, pubblichiamo l’introduzione di Paolo Fabbri al libro Cosi parlò Umberto Eco, una raccolta di articoli e interviste rilasciate in francese, inediti assoluti nel mondo arabo, a cura di Ghazi Berro, di prossima pubblicazione dalla casa editrice Dar El Farabi. In […]

Continua a leggere

Yes, we (Zombies) can: attualità mordace del Non Morto

Da: Aut aut, Il Saggiatore, Milano, 2013. “Si scopron le tombe, si levano i morti”(Inno di Garibaldi)* 1. Epidemie: un saldo di qualità Negli anni Obamitici, dal 2008 ad oggi, prolifera lo Zombi1. Attante epidemico dell’orrore che infesta tutto il mediascape, cinema, televisione, video e videogiochi, canzoni, romanzi e fumetti, moltiplicando remake, varianti narrative – […]

Continua a leggere

La voce è la matta (1998)

Da: Voci e Rumori: la propagazione della parola, a cura di P. Fabbri e I. Pezzini, Versus, quaderni di studi semiotici, n. 79, gennaio-aprile 1998. La semiotica insegna. I titoli, anche i più allusivi o metonimici, sono sempre metasememi: provano a condensare le informazioni del testo che precedono.Il titolo, “la voce è la matta”, se […]

Continua a leggere

La vita profonda delle nature morte (2001)

Da: (con Lucia Corrain) AA.VV., La natura della natura morta. Da Manet ai nostri giorni, a cura di Peter Weirmair, Electa, Milano, 2001. Quanta vanità nella pittura che suscita ammirazione per la rassomiglianza con cose di cui non ammiriamo affatto gli originali.Pascal, Pensieri 1. Natura morta Le riflessioni che seguono si propongono fondamentalmente due obiettivi […]

Continua a leggere

Bill Viola, Ocean Without a Shore (2009)

Da: L’archivio del senso, Quaderni della biennale, Milano, Edizioni et al., n. 1, 2009, pp. 27-47. per Alexa e Sandrine Intuisco una verità: ai morti le faccende, le storie, le idee, i sentimenti, tutto ciò che noi vivi facciamo, soffriamo, crediamo appare loro come qualcosa di assurdamente illogico, incomprensibile, astrazione pura, follia di indecifrabili fantasmi. […]

Continua a leggere

Ulisse è Bond (2013)

Da: Alfabeta2, n. 26, febbraio 2013. “I am become a name”(A. Tennyson, Ulysses) 1.Il dizionario della storia è ricco in semiofori, attrattori di senso. Uno di questi abita da mezzo secolo una nicchia dell’immaginario collettivo: si presenta con volti diversi e il ritornello dello stesso nome: “Bond, James Bond“. Fin dalla prima apparizione, letteraria, televisiva […]

Continua a leggere

Va pensiero: il testo poetico (2002)

Da: AA.VV., Sulle ali del “Va pensiero”, a cura di F. Gencarelli, Parma, 2002. Va, pensiero, sull’ali dorate; Va, ti posa sui clivi, sui colli, Ove olezzano tepide e molli L’aure dolci del suolo natal! Del Giordano le rive saluta, Di Sionne le torri atterrate… Oh, mia patria si bella e perduta! O membranza sì […]

Continua a leggere