Paolo Fabbri semiotica online
Home page
Curriculum
Corsi
Attività
Saggi
Articoli
Testi e Collezioni
Interviste e Stampa
Traduzioni e Commenti
Contatti
Mappa del Sito
Valid HTML 4.01 Transitional Valid CSS Level 2
La cucina delle avanguardie

Università Vita-Salute San Raffaele di Milano
Facoltà di Filosofia
Master di I livello in Filosofia del Cibo e del Vino
Anno Accademico 2016-2017

Palazzo Dibit
Via Olgettina 58
Milano

3 marzo h. 14-18
4 marzo h. 9- 13

Il processo di Artificazione della cucina è in corso. L'attività degli chef e i suoi esiti finali sono considerati opere appartenenti al campo artistico e analizzate come tali dalle discipline semiotiche.
Dal secolo scorso ad oggi - mentre l'alimentazione passava dalla dimensione sensibile del gusto alle scienze dell'alimentazione - gli artisti delle avanguardie hanno esplorato, con ricette-spartiti e utopie dietetiche, il campo e i limiti del commestibile. Le combinazioni originali di forme e sostanza e le varietà delle maniere di vita - tra estetica, morale e politica - hanno influenzato e orientato nei sensi e nel significato i linguaggi attuali delle Arti della Tavola.
L'attività creativa del cibo e del pasto è stata ed è l'oggetto delle avanguardie artistiche, dai Futuristi (F.T. Marinetti) ai surrealisti (S. Dalì), fino alla Eat Art (D. Spoerri).

Bibliografia

Paolo Fabbri, "Ipotizzare il periodo: sintassi di un pranzo parolibero", Il Verri, n. 1, 2010 (on line).

F.T. Marinetti, Fillia. La cucina futurista, Viennepierre edizioni, Milano, 2009.

Alice Toklas, I biscotti di Baudelaire: ricette e ricordi, profumi e sapori, Bollati Boringhieri, Torino, 2013.

AA.VV., La cucina del senso, a cura di G. Marrone, A. Giannitrapani, Mimesis, Milano, 2012.
Home | Curriculum | Corsi | Attività | Saggi | Articoli | Testi | Interviste | Traduzioni | Contatti | Mappa Sito Torna indietro Versione stampabile Torna alla pagina principale Torna in alto
©2005- Paolo Fabbri. Tutti i diritti riservati. Web: www.paolofabbri.it · E-mail: info@paolofabbri.it Realizzazione sito: Manuel Semprini