Immagini che fanno segno


La Casa Usher, Lucca, 2015, pp. 204.


Valentina Manchia (a cura di)
Immagini che fanno segno
Modi e pratiche di rappresentazione diagrammatica nelle informational images
contributo di Paolo Fabbri*

Immagini che fanno segno. Modi e pratiche di rappresentazione diagrammatica nelle informational imagesDiagrammi, mappe e grafici sono sempre più presenti, sulla scena mediale e nella vita quotidiana, sull’onda della necessità di dominare la complessità del mondo contemporaneo. Oggetti visivi diversi ma accomunati dall’essere informational images, per dirla con James Elkins, ovvero capaci di veicolare dati e concetti. Pur essendo molto diverse dalle rappresentazioni classiche di stampo figurativo, queste immagini hanno comunque un grande potere: quello di rendere visibile l’invisibile. Un tema, questo, su cui si interrogano la teoria delle immagini, i media studies, gli studi di cultura visuale e la semiotica, interessati al rapporto tra rappresentazione e linguaggio e allo statuto della rappresentazione diagrammatica nei confronti di quella pittorica.
I contributi qui raccolti ruotano intorno a questo dibattito, a partire da approcci disciplinari diversi e da più oggetti di analisi – dalle interfacce videoludiche all’arte contemporanea, dal mapping nel cinema alle immagini scientifiche, dalle pratiche progettuali in architettura alla rappresentazione del territorio. Senza dimenticare la lezione di Guattari e di Deleuze sul diagramma, su cui Fabbri si sofferma nel suo saggio, e le riflessioni di Manovich su cosa significa, oggi, visualization.

* Diagrammi in filosofia: G. Deleuze e la semiotica “pura”

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento